Lo stemma dei Brognoligo

Lo stemma che ci rappresenta è quello della famiglia dei Marassini una delle casate che da Vicenza si spostarono nella città di Verona. La denominazione della stirpe – Marassi o Marassini – era un soprannome derivato da “marasso”, termine che designa la vipera palustre, comune in molte zone dell’Italia settentrionale. Assunsero l’appellativo “Brognoligo” poiché possedevano 

Continue Reading…

Abbinamento – Enosteria

Il Soave Classico Doc Le Bine Longhe è espressione di una vigna che ha oltre 40 anni di età e che era già stata acquistata nel 1957 da Aldo Tessari. Si trova a 150 metri di altezza su terreno basaltico e argilloso, e viene prodotto da uva Garganega che “surmatura” in vigna per circa una ventina 

Continue Reading…

San Valentino – Degustazione per Due

Dedicato a tutti gli winelover, un San Valentino speciale in Cantina! Vi aspettiamo Sabato 14 Febbraio Visita guidata all’Az. Agr. T.E.S.S.A.R.I Degustazione 4 Vini Garganega Brut Spumante Soave Classico Doc Grisela Soave Classico Doc Le Bine Longhe di Costalta Recioto di Soave Docg Tre Colli Degustazione Prodotti Tipici Focaccia o grissini artigianali, Formaggio Monteveronese Prosciutto 

Continue Reading…

Carnevalon de l’Alpon – Degustazione in Cantina

Da Giovedì 12 a Martedì 17 Febbraio evento dedicato al famoso Carnevale di Monteforte d’Alpone Visita guidata all’Azienda Agricola T.E.S.S.A.R.I Degustazione 4 Vini Garganega Brut Spumante Soave Classico Doc Grisela Soave Classico Doc Le Bine Longhe di Costalta Recioto di Soave Docg Tre Colli Degustazione Ricetta dello Chef e Prodotti Tipici Focaccia artigianale, Formaggio Monteveronese 

Continue Reading…

Il nostro lavoro – Confezionamento

La Cantina T.E.S.S.A.R.I segue direttamente tutte le fasi della produzione fino al confezionamento. Ogni bottiglia deve riportare sull’etichetta tutta una serie di informazioni obbligatorie che possono cambiare da Paese a Paese. Alcuni accenni: in Italia è obbligatorio avere in etichetta la denominazione del vino, il titolo alcolometrico e la quantità, l’annata e il lotto, l’origine 

Continue Reading…

La Cantina di nonno Antonio

La “caneva” scavata dal nonno Antonio era un angusto locale di soli ventiquattro metri quadrati. Fu un lavoro che gli richiese un’intera estate. All’interno della sua cantina mise due botti in legno, da 12 e 8 ettolitri.  Solo dopo qualche anno riuscì a costruire due vasche di cemento, da 21 e 23 ettolitri, col chiusino 

Continue Reading…